70 Concorso polifonico internazionale
Fondazione Guido d'Arezzo

Organizzatore

Fondazione Guido d'Arezzo
Telefono
0575377437
Email
info@fondazioneguidodarezzo.com
Sito web
http://www.fondazioneguidodarezzo.com

Luogo

Chiesa di San Domenico
Piazza San Domenico, Arezzo, AR

Weather

Sereno
Sereno
18 °C
Wind: 4 KPH
Humidity: 69 %
Feels like: 18 °C
QR Code

Data

24 Ago 2022
Expired!

Ora

21:00 - 23:15

Etichette

Polifonia e attività corali

Concerto della Giornata dell’Indipendenza Ucraina

La Fondazione Guido d’Arezzo è lieta di annunciare in occasione del 70° Concorso Polifonico Guido d’Arezzoil concerto a sostegno dell’Ucraina il prossimo 24 agosto alle 21 presso la Chiesa di San Domenico: per l’evento si esibirà in via straordinaria il coro di Kiev Chamber Sophia, presente ad Arezzo proprio per la competizione aretina.

“Il concerto del coro di Kiev proprio nel giorno nel quale l’Ucraina commemora l’indipendenza dall’Unione Sovietica rappresenta, insieme, un momento di alto valore simbolico e artistico – commenta il sindaco Alessandro Ghinelli. – Un’occasione particolare per noi, per ribadire la solidarietà nei confronti di quel Paese e la vicinanza al suo popolo, e per conoscere una tradizione musicale che proprio nella vocalità e nella polifonia trova le proprie origini”.

Così il direttore del coro Sophia, Olexii Schamrytskyi:“Il programma Con l’Ucraina sulle labbra si basa su opere con un tema comune che vuole svilupparsi in diversi contesti. È questo il sentimento che ogni ucraino vive alla vigilia del più tragico dei nostri Giorni dell’Indipendenza.”

 

PROGRAMMA
Mykola Lysenko: Bozhe Velykyi

Mykola Dyletsyi: Tsaryu Nebesnyi

Orlando Di Lasso: Je l’ayme bien

Claudio Monteverdi: Io mi son Giovinetta

Joseph Rheinberger: Abendlied

Peteris Vasks: Mate saule

Krzyshtof Penderecki: Cherubimical himn

Z. Randall Stroope: Conversion of Saul

Yevhen Petrychenko: Lehenda

Hanna Gavrilets: Troparion

Andrii Hnatyshyn: Ne stii verbo

Alisa Lytvak: Nyni, nyni

Oleksandr Bida: Hloptsi rybolovtsi

Mykola Rakov: Oi dub, duba